rss


23 marzo 2024

Partenza ore 7,00 dal Piazzale della Coop a Fidenza.
Al mattino visita guidata della suggestiva Pieve di San Giovanni in Ottavo (detta Pieve del Tho) poco oltre un chilometro da Brisighella. È la Pieve più antica sorta nella Valle del Lamone probabilmente tra l’VIII e il X secolo. Le sue origini sono assai remote e la fanno risalire a Galla Placidia, figlia di Teodosio, che l’avrebbe fatta erigere con i resti di un tempio dedicato a Giove Ammone. Visiteremo poi Brisighella che si adagia ai piedi di tre inconfondibili pinnacoli rocciosi su cui poggiano una Rocca del XV secolo, la Torre dell’Orologio ed il Santuario del Monticino. Ammireremo il borgo con la Via degli Asini, le caratteristiche case dai colori pastello, separate da strette stradine tortuose. Visiteremo il Museo Civico “Giuseppe Ugonia” che ospita una grande pala del Guercino con “San Francesco d’Assisi e S. Ludovico di Francia”.
Pranzo: posti prenotati per tutti presso il ristorante FRAMBOISE dove ognuno sceglierà il menù.
Al pomeriggio trasferimento a Dozza per la visita del piccolo e coloratissimo Borgo medievale, divenuto famoso soprattutto perché le facciate delle sue case sono decorate con decine di coloratissimi murales realizzati da artisti provenienti da tutto il mondo. Passeggiare per il centro storico di Dozza è come immergersi in una galleria d’arte a cielo aperto. Nel cuore del borgo, incontreremo la Rocca Sforzesca. Chi vuole potrà visitarla in autonomia ed accedere alle sale arredate, fra cui la lussuosa camera padronale, la cucina e l’antica stanza delle torture. Le cantine della Rocca ospitano con entrata libera l’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna dove, oltre ai vini provenienti dalle cantine di tutta la regione, troverete anche diversi prodotti tipici regionali come miele, olio, aceto balsamico, confetture e molto altro.
Rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 45
Quota di partecipazione non soci: € 45 + 5 di quota sociale
La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., la guida, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 24 febbraio con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Brisighella”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

24 febbraio 2024

 Partenza ore 7,00 dal Piazzale della Coop a Fidenza. 

Mattino: inizieremo la visita guidata della città entrando nel labirinto dei pittoreschi “caruggi” per raggiungere la chiesa di San Siro, una delle meravigliose chiese del centro storico, nonché prima Cattedrale della città. Al suo interno si trova una splendida opera di Orazio Gentileschi, papà di Artemisia. Proseguiremo per Via Garibaldi, sito UNESCO, dove si trovano alcuni dei più bei palazzi rinascimentali. In Piazza Portello prenderemo la funicolare che ci porterà nella zona di S. Anna, dove si trova l’antico monastero dei Carmelitani Scalzi e con una breve passeggiata di circa 10 minuti raggiungeremo il Belvedere di Castelletto, una splendida terrazza sulla città e punto panoramico per eccellenza, dal quale c’è una bellissima vista sulla città e il porto. Ritorneremo in centro con l’ascensore storico in stile liberty.
Pranzo libero
Al pomeriggio
ritrovo a Palazzo Ducale per la visita guidata alla mostra Artemisia Gentileschi, coraggio e passione” (1° ingresso ore 15.00, 2° ingresso ore 15.20). Attraverso oltre 50 dipinti provenienti da tutta Europa, ammireremo i capolavori di una delle artiste più ammirate di tutti i tempi, dalla vita appassionante, tragica, ricca di colpi di scena e di successi straordinari. All’interno del percorso espositivo un’attenzione particolare è dedicata al difficile rapporto con il padre Orazio, illustre pittore dell’epoca, amico di Caravaggio e maestro di Artemisia, sfociato poi in una vera e propria rivalità. Diversi confronti serrati tra tele con lo stesso soggetto permettono di comprendere come il talento artistico della figlia abbia potuto superare il linguaggio del padre. I due artisti sono anche messi in dialogo con lo stile di Caravaggio. Tra vicende familiari appassionanti, soluzioni artistiche rivoluzionarie, immagini drammatiche e trionfi femminili, la mostra offre un ritratto fedele della complessa personalità dell’artista.
Quota di partecipazione soci: € 60
Quota di partecipazione non soci: € 60 + 5 di quota sociale
La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, l’ingresso alla mostra, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 25 gennaio 2024 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Genova”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

Carissimi,
in occasione della prossima denuncia dei redditi vi invitiamo a sostenerci devolvendo il 5 x mille dell’Irpef all’Associazione. E’ un piccolo gesto che non vi costerà nulla , ma sarà per noi un importante contributo a sostegno delle attività e dei progetti che stiamo portando avanti e dei nuovi che promuoveremo.
Il codice fiscale da indicare nella dichiarazione è 91034960343
Grazie di cuore

Fidenza, 7/04/2023

Sabato 27 maggio 2023
Partenza ore 7,45 dal Piazzale della Coop a Fidenza.

Al mattino visiteremo il complesso monastico di Santa Giulia e il Parco archeologico di Brescia romana, patrimonio UNESCO dal 2011. Ammireremo i meravigliosi affreschi rimasti intatti per 2.000 anni nel tempio Repubblicano. LottoEntreremo nelle celle del tempio capitolino come gli antichi sacerdoti: la vera sorpresa sarà Lei, l’elegante, enigmatica Vittoria alata, uno dei pochissimi bronzi monumentali (l’unico del Nord Italia) che sono sopravvissuti alle ingiurie del tempo.  A Santa Giulia ammireremo, oltre alle meravigliose domus romane (case ricche che si affacciavano sulla via principale della città) la stupefacente basilica di San Salvatore, prestigioso edificio di epoca longobarda, il coro delle monache con i suoi ricchissimi affreschi rinascimentali ed infine la chiesa di Santa Maria in Solario che custodisce un altro insolito gioiello: la famosissima croce di Desiderio con le sue 212 gemme preziose incastonate.
Pranzo libero
Al pomeriggio visiteremo una imperdibile Mostra ospitata a Palazzo Martinengo, in occasione di “Bergamo-Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023”. La selezione di oltre ottanta capolavori provenienti da collezioni pubbliche e private sia italiane che estere permette per la prima volta di indagare e mettere a confronto diretto i campioni della pittura rinascimentale e barocca attivi nelle due città durante i quattro secoli di dominazione veneziana.
Rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 65
Quota di partecipazione non soci: € 65 + 5 di quota sociale

La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, gli ingressi, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 5 maggio 2023 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Brescia”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

cosa-vedere-montagnanaSabato 1 aprile 2023

PROGRAMMA:
Partenza ore 7,00 dal Piazzale della Coop a Fidenza.
Al mattino visita guidata dell’affascinante borgo medievale circondato da una spettacolare cinta muraria del perimetro di quasi 2 km. La visita inizia dal Castel San Zeno, il nucleo più antico della città, con l’illustrazione in esterni della sua struttura, nonché della palladiana Villa Pisani visibile dal vallo di Porta Padova. Saliremo anche sul Mastio di Ezzelino, latorre più alta e antica di Montagnana, dalla cui sommità si gode di un suggestivo panorama sulla città e sulle campagne circostanti. La salita è agevole poiché la scala ha gradini bassi e larghi. La passeggiata prosegue lungo il tratto sud delle mura medievali per giungere fino alla Rocca degli Alberi, con pause lungo il percorso per ammirare le peculiarità e le caratteristiche della cinta muraria e degli edifici di maggior pregio. Termineremo infine nel cuore di Montagnana, Piazza Vittorio Emanuele II, sulla quale si affacciano raffinati edifici. Visiteremo il Duomo di Santa Maria Assunta, pregevole scrigno di opere d’arte. Il 1°aprile a Montagnana si svolge anche la Fiera di Primavera con una bellissima esposizione di piante, fiori e oggettistica artigianale.

Pranzo libero
Al pomeriggio visiteremo l’Abbazia di Santa Maria delle Carceri. Fondata nel XII secolo come ospizio per i pellegrini diretti verso Roma lungo la Via Romea, fu ampliata dal XV al XVII secolo dai monaci camaldolesi. Soppressa nel 1690 per finanziare la guerra della Repubblica di Venezia contro i Turchi, nel 1693 venne acquistata dalla Famiglia Carminati che nel 1951 la donarono alla Parrocchia di Carceri. Si visitano: il portico d’ingresso, la foresteria, la Chiesa e il Coro, il Battistero, i chiostri, la sala degli affreschi, i locali dell’antica Biblioteca, il Giardino dei “profumi”.
Rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 46
Quota di partecipazione non soci: € 46 + 5 di quota sociale

La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, gli ingressi, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 20 marzo 2023 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Montagnana”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

-firenzePROGRAMMA:
Ritrovo ore 6,25. Partenza ore 6,30 dal Piazzale della Coop a Fidenza.
All’arrivo a Firenze al Lungarno Pecori Giraldi raggiungeremo a piedi (15′) la Galleria degli Uffizi.
Ci divideremo in 3 gruppi da 15 persone. La visita guidata dura circa 3 ore, al termine ci sarà la possibilità di rimanere liberamente all’interno del Museo per rivedere i quadri e sorseggiare un buon caffè sulla terrazza affacciata su piazza della Signoria.
La Galleria degli Uffizi è senza dubbio uno dei più visitati ed ammirati musei del mondo; è impossibile descrivere brevemente le meraviglie che vedremo nel Museo, ma possiamo paragonare la visita ad uno splendido viaggio attraverso la storia dell’arte.
Pranzo libero
Al pomeriggio tempo libero per visitare il centro storico: Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio, Piazza Duomo con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero e il campanile di Giotto, Ponte Vecchio…
Rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 70
Quota di partecipazione non soci: € 70 + 5 di quota sociale
La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, gli ingressi, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 10 febbraio 2023 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Firenze”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

Fidenza, 30/01/23

Sabato 18 febbraio 2023

PROGRAMMA:
Partenza ore 6,30 dal Piazzale della Coop a Fidenza.
All’arrivo a Firenze al Lungarno Pecori Giraldi raggiungeremo a piedi (15′) il centro storico. Ci sarà tempo libero per visitare alcuni monumenti della città: Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio, Piazza Duomo con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero e il campanile di Giotto, Ponte Vecchio… botticelli-primavera
Pranzo libero
Nel primo pomeriggio ci incontreremo alla Galleria degli Uffizi e ci divideremo in 3 gruppi. Gli ingressi sono alle ore 13,45 e 14,00. La visita guidata dura circa 3 ore, al termine ci sarà la possibilità di rimanere liberamente all’interno del Museo per rivedere alcuni quadri o sorseggiare un buon caffè sulla terrazza affacciata su piazza della Signoria.

La Galleria degli Uffizi è senza dubbio uno dei più visitati ed ammirati musei del mondo; è impossibile descrivere brevemente le meraviglie che vedremo nel Museo, ma possiamo paragonare la visita ad uno splendido viaggio attraverso la storia dell’arte.
Rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 70
Quota di partecipazione non soci: € 70 + 5 di quota sociale
La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, gli ingressi, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 7 febbraio 2023 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Firenze”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

Fidenza, 30/01/23

PROGRAMMA:
Partenza ore 7,00 dal Piazzale della Coop a Fidenza.
All’arrivo a Pisa dal parcheggio Bus con un trenino raggiungeremo Piazza dei Miracoli, con la guida visiteremo il Duomo e il Battistero, poi proseguiremo il tour per Piazza dei Cavalieri, Borgo Stretto, fino ai Lungarni. Pisa
Pranzo libero
Al pomeriggio visita alla Mostra “I Macchiaioli” a Palazzo Blu.
Attraverso oltre 130 opere, provenienti per la maggior parte da collezioni private, ma anche da importanti Musei come le Gallerie degli Uffizi, il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, la Galleria d’arte moderna di Genova e la Galleria Nazionale d’arte Moderna di Roma, l’esposizione intende ripercorrere l’evoluzione e la rivoluzione dei Macchiaioli, nella seconda metà dell’Ottocento. La mostra racconta l’avventura di un gruppo di giovani pittori progressisti che, desiderosi di prendere le distanze dall’istituzione accademica nella quale si erano formati, propongono una nuova libertà di espressione e si rivolgono a un pubblico popolare, immortalandolo nella vita quotidiana.
Al termine della mostra il trenino ci riporterà al parcheggio Bus per il rientro a Fidenza in serata.
Quota di partecipazione soci: € 65
Quota di partecipazione non soci: € 65 + 5 di quota sociale
La quota comprende: il viaggio in pullman G.T., le guide, gli ingressi al Duomo, al Battistero e alla mostra, gli auricolari, l’assicurazione.
Le iscrizioni si ricevono telefonicamente al n. 3299681472 (Luciana) e si intendono confermate con il versamento della quota entro e non oltre il 10 gennaio 2023 con bonifico bancario (indicare nella causale “Gita Pisa”) o direttamente presso la Banca Credito Padano.

Domenica 16 ottobre 2022 è stato inaugurato il parco Don Camillo Mellini

L’evento è stato documentato dalla giornalista Silvana Loreni nel seguente articolo della  Gazzetta di Parma

Don Camillo Mellini: ora c'è un parco dedicato a lui

<< Don Camillo è qui, oggi in mezzo a noi. Così una scout, Francesca, capogruppo del Fidenza 1, ha esclamato ieri mattina, in apertura della cerimonia per l’intitolazione del parco don Camillo Mellini, nel quartiere Corea, di fianco a Casa Rabaiotti. E la cerimonia di apertura dell’anno scout, con la presenza dei gruppi Fidenza 1, Fidenza 2 e Salso 2, ha coinciso con l’intitolazione del parco a don Mellini. Quegli scout che don Camillo ha fondato e tanto amato, ieri gli hanno reso omaggio in massa, affollando il parco.

Quindi un altro «ragazzo» di don Camillo, Alessandro Pelizzari, ha ricordato il suo amato don, insieme a Renato «Tato» Beduschi, uno dei ragazzi borghigiani della prima squadriglia scout fidentina.

«Ma quanto siete belli – ha esclamato Beduschi, con un nodo alla gola, rivolgendosi ai tanti fazzolettoni presenti -. Sono tanto felice e orgoglioso oggi e sono convinto che lo sarà anche il don, che ci guarda da lassù».

Quindi ha preso la parola, Andrea Mellini fratello di don Camillo, che guida l’associazione intitolata al sacerdote. Ha ricordato le tappe della vita piena di don Camillo, dall’inizio della sua ordinazione a sacerdote, sino alla sua opera di carità e accoglienza a favore degli ultimi e di tante donne in difficoltà. In rappresentanza dell’amministrazione comunale erano presenti il vicesindaco Davide Malvisi, gli assessori Bariggi e Frangipane con alcuni consiglieri. «Sono particolarmente felice di poter essere qui a celebrare l’intitolazione di questo spazio comune alla memoria di don Camillo Mellini, un sacerdote che a Fidenza ha lasciato un’eredità di affetti e di progetti, duratura e significativa», ha detto Malvisi salutando poi il consigliere Marco Gallicani che ha presentato l’ordine del giorno, poi approvato dal consiglio comunale, per l’intitolazione. «Comincio col dire che Don Camillo non mi è mai sembrato preoccupato di lasciare il proprio nome e cognome su una targa collocata in un luogo pubblico – ha aggiunto Malvisi -. Al contrario ho sempre avuto la netta sensazione che questo sacerdote, così pieno di iniziativa e così ricco di entusiasmo contagioso volesse piuttosto lasciare una traccia profonda nelle vite delle persone che lo hanno conosciuto. Soprattutto nei giovani. Don Camillo è stato un sacerdote esemplare, perché è stato uomo di chiesa dal pensiero profondo e sempre aperto alla vita. E ha fondato il movimento scout qui a Fidenza. È stata una piccola rivoluzione. Negli ultimi anni di vita don Camillo visse la sua missione a contatto con gli ultimi. Nella canonica di san Pietro ha dato rifugio ai migranti in difficoltà, assicurando assistenza, conforto, guida e aiuto a persone provate dai sacrifici e dal dolore. Grazie a lui il seme del dialogo e della collaborazione con gli ortodossi ha potuto crescere anche nella nostra città. Poco prima di morire, nel 2007, don Camillo appariva provato dalla malattia ma sereno. Viva don Camillo. Viva Fidenza».
La cerimonia si è conclusa con lo scoprimento della targa, su bozzetto del professor Alberto Allegri, da parte di due lupetti e di una coccinella. E quindi la benedizione da parte di don Zikaria Philip, della parrocchia di San Giuseppe lavoratore. Finale poi con le testimonianze di chi ha conosciuto don Camillo. >>WhatsApp Image 2022-10-16 at 11.34.12

 

Nel link seguente è disponibile il video dell’inaugurazione

Anteprima immagine

Fidenza,13/10/2022